Adorazione1900
Effatà on line

Se Dio esistesse

Alla Rotonda dibattito su Dio

Venerdì 23 marzo 2012 dalle ore 19 si è svolto nei locali della Parrocchia S. Maria della Rotonda un interessante confronto per ragazzi e ragazze al di sopra dei 18 anni dal titolo “E se Dio esistesse?”


Sono state messe in campo in modo simpatico e piacevole competenze filosofiche, teologiche, scientifiche e opinioni personali.


I temi che sono emersi sono stati molteplici: dal ruolo del bene e del male al valore della preghiera, dal libero arbitrio alla fede in Cristo, dall’istinto di sopravvivenza all’etica laica. La scena era quella di un finto tribunale con tanto di giudice imparziale e avvocati dell’accusa e della difesa, parti in cui si erano divisi i partecipanti, anche un po’ per gioco. L’imputato, Dio, era rappresentato da una sedia al centro, piena per i più, vuota per qualche altro di parere opposto.


Ci si è dunque come da processo giuridico appoggiati ad alcune testimonianza: quella della difesa consisteva in un mix di riflessioni teologiche da Alberto Magno a Giovanni Paolo II sulla possibilità di indagare Dio con la ragione che esclude il caso come spiegazione del mondo davanti al meraviglioso finalismo della vita. Quella dell’accusa era un pensiero dell’astrofisica Margherita Hack.


C’è stato spazio, prima del dibattito, anche per un momento di convivialità (rispettando l’astinenza dalle carni essendo venerdì di Quaresima)  e per l’esibizione di una band di un ragazzo della parrocchia, che suonava la batteria, accompagnato da tre amici alle chitarre e al basso. Il confronto si è svolto nella sala video piena per metà dove i ragazzi e le ragazze intervenuti hanno potuto conoscere le esperienze degli altri e chiarire qualche dubbio.


Il parroco Don Salvatore Fratellanza, il vice-parroco Don Michele Pezzella, il diacono Marco De Caro e la moglie Fara auspicano nuove iniziative del genere magari su altre tematiche calde e in forme diverse. I giovani organizzatori, Lorenza, Marta, Emanuele, Enzo, Marco, Luca, Francesco e Giovanni si apprestano dunque alla progettazione di un nuovo evento sperando in un’adesione ancora maggiore e diversificata per un incontro sempre più stimolante!

Chiesa di Napoli